Digita il prodotto che cerchi o scegli dalla lista dei proposti

Ti verranno mostrati tutti i produttori presenti nella rete ASPROM

Cos'è ASPROM

Una rete per far crescere il territorio

Image

ASPROM è una rete di aziende agricole, costituita ai sensi della L.122/2010 e succ. mod. e int., sorta nell’anno 2013 con l’obiettivo di valorizzare le produzioni cerealicole coltivate nella riviera friulana, da destinare all’alimentazione umana e loro utilizzo tal quale (orzo perlato), o tramite la loro maltazione: quindi alla produzione di farine, birra, caffè d’orzo.

Questo anche in considerazione delle novità introdotte dal decreto ministeriale 212/2010 che permette alle aziende produttrici della materia prima (l’orzo) di creare una malteria o un birrificio aziendale e di considerare la produzione di questa bevanda e del malto attività agricole connesse.
La rete di imprese agricole assolve le prescrizioni legislative e consente il raggiungimento della necessaria massa critica affinché il processo venga tracciato ed i prodotti conseguiti, talvolta non compresi nell’allegato 1 del Trattato CE, siano considerati agricoli a tutti gli effetti.

L’obiettivo conseguente è, quindi, quello di consentire alle diverse aziende agricole in rete di ottenere la valorizzazione della produzione cerealicola, di produrre e commercializzare i prodotti derivati, nonchè di somministrarli in agriturismo, rimanendo all’interno della produzione agricola aziendale.
Tra le produzioni che sicuramente destano maggior interesse vi è la birra che, seguendo la tracciabilità prevista dalla legge (possibile tramite l’appartenenza alla rete), potrà venire commercializzata dal retista quale prodotto agricolo.

Gli attori principali della rete sono quindi i produttori agricoli, i trasformatori ed i consumatori.

I produttori sono le aziende agricole che mettono a disposizione della rete i loro terreni per la produzione dei cereali.

I trasformatori sono le aziende agricole o le cooperative che mettono a disposizione dei retisti i loro impianti di stoccaggio, maltazione e birrificazione, al fine di trasformare in conto lavorazione il prodotto dei retisti. Mediante un nuovo sistema cooperativistico verranno quindi individuati prestatori di servizi zonali ai quali obbligatoriamente i retisti di una determinata zona dovranno rivolgersi per la trasformazione in conto lavorazione del loro prodotto. I costi delle lavorazioni/trasformazioni scambiati tra i retisti saranno determinati all’inizio di ogni annata agraria.

I consumatori sono le aziende agricole dotate di spaccio e/o agriturismo che pongono sul mercato il prodotto confezionato o sfuso sia di loro produzione che dei retisti.

La rete è rappresentata e gestita da una azienda capofila ed un comitato di gestione.
La rete è aperta a tutte le aziende agricole, birrifici agricoli o che volessero diventarlo, spacci aziendali e agriturismi con somministrazione, compresi nel territorio nazionale.